In evidenza

Miami, nuove prospettive

E’ partita come sempre alla grande anche questa edizione – la quindicesima – della fiera d’arte più glamour del mondo qual’è Art Basel Miami. Ecco come ce la racconta Mauro Casotto.

È stata una preview per addetti ai lavori, la cosiddetta “first choice VIP” dove in poche ore i più importanti collezionisti si contendono a suon di milioni di dollari le opere più ambite, tra queste anche un Andy Warhol dal titolo “The dollar” comprato a quasi 9.000.000 di dollari da un magnate del Kazakistan.
La mostra è divisa in diversi settori; a noi ne sono piaciuti in particolar modo tre.

POSITIONS: 14 gallerie che presentano un solo artista attraverso un progetto specifico creato ad hoc per Art Basel. SURVEY: 16 precisi progetti storici che rappresentano un range di culture, generazioni e diversi approcci artistici e tematici. NOVA: 29 gallerie presentano lavori creati nell’ ultimo triennio da massimo 3 artisti della loro scuderia. Opere inedite provenienti direttamente dallo studio dell’artista e supervisionate dalla curatela di art Basel.

Ma la sua vera grandeur Miami art Basel la dimostra ospitando le gallerie più impornati del mondo, quelle da Champions League se vogliamo usare un termine calcistico. Oltre a Gagosian scendono in campo Landau, Karsten Greve, Goodman, Marlborough, Lelong, White cube tanto per citare l più conosciute. A difendere i colori italiani i soliti noti Tornabuoni, Lia rumma, Cardi, Mazzoleni.

Da segnalare poi le opere museali milionarie di artisti americani quali Keith Haring e Basquiat ma anche piccole significative opere di artisti non conosciuti in Europa ma decisamente accattivanti, delle quali avremo modo di parlare. In definitiva non basta una sola giornata x riuscire a visitare questa fiera, dopo qualche ora e volendo fare attenzione ai tanti stimoli che crea bisogna fermarsi, riuscire a digerire quanto possibile e ritornare il giorno dopo. Ed è ciò che noi faremo per cercare di darvi altre proiezioni/visioni su quello che Miami art Basel ha da offrire in questa fantastica edizione 2018.

(Da Miami, Mauro Casotto)

Altri articoli