Luoghi & design

Mecenatismo a Belgrado

Si trova sulla Knez Mihailova, la via pedonale più centrale di Belgrado, a pochi passi dalla fortezza Kalemegdan, del palazzo della principessa Ljubica, dalla cattedrale ortodossa e dal fiorito palazzo liberty dell’Accademia delle Lettere e delle Scienze.

Il museo Zepter è ospitato in un palazzo degli anni ’20 – in stile Secessione –  originariamente sede di una banca. Nel 2010 è stato riadattato e allestito a museo dal locale Studio Urošević per volontà della magnate Magdalene Zepter, che ha donato così alla sua città oltre 400 opere di 170 artisti, per raccontare l’arte contemporanea serba degli ultimi 50 anni. E’ questo il primo museo privato d’arte riconosciuto dalla Repubblica di Serbia, in una città – Belgrado appunto –  in cui il Museo Nazionale d’Arte più importante dello Stato è chiuso e in ristrutturazione da 14 anni.

Nel piano seminterrato del Museo troviamo l’espressionismo figurativo e l’arte informale, al piano terra si può co0noscere  l’attività di numerosi gruppi come quello di Zara-Zadar, il gruppo di Dicembre, The Eleven, Mediala. Nell’elegante piano sovrastante trovano posto invece molte sculture, diverse opere degli anni 1980-90, l’inizio del modernismo postbellico di Petar Lubarda e un piccolo bar.

Chiuso il lunedì, il museo è una inaspettata sorpresa per chi ama l’arte contemporanea, anche per la cura dell’allestimento delle sale in un palazzo d’epoca perfettamente ristrutturato. (Articolo di Leonardo Felician).

Info: www.zeptermuseum.rs

Altri articoli