Luoghi & design

La scultura si indossa

Vere e proprie sculture portabili, quelle realizzate da Marina Ruggieri Filippini insieme ad artisti di fama internazionale: Arman, Ben Vautier, Yoko Ono, Fabrizio Plessi, Valerio Adami, Pol Bury, Julio Larraz  ed altri ancora. E così, chi indossa questi anelli, bracciali, collane diventa in qualche modo parte integrante dell’opera d’arte. Riduttivo definire semplici ornamenti queste edizioni uniche,  ideate e studiate dagli artisti di volta in volta coinvolti e poi tradotte in materia dalla designer veneta (ma con base a Lugano). Tutti i gioielli sono ovviamente numerati e accompagnati da un certificato di autenticità.  Come ad esempio questo bracciale curvo in argento, che vi proponiamo nella foto, del maestro Turi Simeti.

Anno dopo anno, cresce il numero di estimatori di questi particolari gioielli: collezionisti  privati, gallerie, ma anche musei.  Alcuni esemplari, sintesi della collaborazione di Marina Ruggieri Filippini con Yoko Ono, verranno ad esempio esposti il prossimo maggio al  MoMa di New York, in occasione della retrospettiva dedicata all’artista giapponese.

Mentre il 7 febbraio a Venezia, nel piano nobile di VITRARIA Glass +A Museum  (Palazzo Nani Mocenigo, Dorsoduro 960) verrà inaugurata la mostra  itinerante “Precious – Da Picasso a Jeff Koons”. Oltre 150 gioielli , patrimonio personale della collezionista di origine newyorkese Diane Venet, già moglie dello sculture francese Bernar Venet. Tra spille, bracciali e girocolli, si potrà scoprire il lato tenero di Picasso, la passionalità di Dalì con un’opera a forma di labbra in rubini e perle, ma anche l’ironia di Jeff Koons  con un ciondolo-coniglio ideato per Stella McCartney, e tanto altro ancora. La Mostra rimarrà aperta la pubblica sino al 12 aprile. In rete: www.marylart.com

Altri articoli