In evidenza

Impressionismo e suggestioni

Gli esperti ben prima dell’inaugurazione assicuravano che sarebbe stato uno spettacolo per gli occhi e per la mente poter ammirare le opere esposte provenienti dalla Collezione Ordrupgaard,  museo d’arte statale a nord di Copenaghem, in Danimarca.

E in effetti i dipinti esposti nelle sale di Palazzo Zabarella sono davvero belli. Rinunciando ad ascoltare alcuni dei relatori presenti alla conferenza stampa (non ce ne abbiano a male…) siamo risuciti a vederli in anteprima, ammirandoli nel silenzio delle sale praticamente deserte. Pissarro, Sisley, Monet, Cézanne, Manet, Renoir, Matisse, Corot, Degas e poi nell’ultima sala Gauguin. Un trionfo!

Temi ben conosciuti, scorci e panorami visti già in altre occasioni ma ciò nonostante opere sempre capaci di emozionare, di suscitare piacevoli suggestioni e ricordi magari da tempo dimenticati. Che poi, sarebbe come non voler tornare a Venezia o Parigi perchè ci siamo già stati almeno una decina di volte.

La mostra offre peraltro l’occasione di conoscere un banchiere-filantropo danese, Wilhelm Hansen, che in due anni, dal 1916 al 1918, insieme alla moglie Henny, riuscì a creare “la migliore collezione impressionista al mondo”. Collezione che fu poi donata allo Stato danese e custodita appunto nell’Ordrupgaard Museet. (C.F.)

Padova, Palazzo Zabarella 29 Settembre 2018 – 27 Gennaio 2019 ” GAUGUIN e gli impressionisti”

Claude Monet: Il ponte di Waterloo, nuvoloso, 1903, Olio su tela, 65×100,5 cm. Ordrupgaard, Copenhagen © Ordrupgaard, Copenhagen. Photo: Anders Sune Berg

 

 

 

Altri articoli