In evidenza

I confini di Miyayama

Kaori Miyayama è un’artista giapponese, originaria di Tokyo , dove è nata 41 anni fa.  Laureata in Antropologia culturale, nel 2001 si è trasferita in Italia e ha conseguito il diploma in Pittura all’Accademia di Belle Arti di Brera di Milano. L’abbiamo conosciuta a Bologna, in occasione di Artefiera, presentata dalla Galleria salernitana di Paola Verrengia.

“ Utilizzo molto con l’inchiostro ad olio – ci racconta – con il quale dipingo tessuti cuciti a mano, in seta ed organza, che vengono distanziati tra loro grazie a dei telai in legno che conferiscono ai miei lavori profondità e spazialità”.

Sempre alla ricerca di nuovi confini, le opere di Miyayama propongono ”un collegamento tra qui e là. In Giappone il concetto di confine è molto diverso da come lo intendete voi europei. La distanza è un valore molto relativo e molto legato alla cultura del proprio Paese. Per questo cerco di trovare e di proporre una correlazione tra spettatore, spazio, tempo e tradizioni differenti.”

Una ricerca che si concretizza in lavori molto delicati, che danno una sensazione di leggerezza anche spirituale. Con delle trame e punti ricamati sul tessuto a  rappresentare ricordi e concetti comunque condivisibili, a prescindere dai luoghi di provenienza. (Appunti di Patricia Schmeidler).

Nella foto, Kaory Miyayama davanti ad alcuni suoi lavori proposti ad Artefiera Bologna 2017. Per altre foto, visita lo spazio web della Galleria Verrengia. 

 

Altri articoli