Luoghi & design

Dalì, surreali gioielli

Le sculture e i gioielli di Salvador Dalì invadono la città di Vicenza,  con una bella mostra – visitabile fino al 27 gennaio 2020 – ospitata nelle sale del Museo del Gioiello del capoluogo berico.

La direttrice Alba Cappellieri, professore ordinario di design del gioiello alla Stanford University e al Politecnico di Milano, ci racconta come ogni gioiello ideato da Salvador Dalì sia un racconto onirico, in cui perdersi e ritrovarsi. Oggetti preziosi che fanno sognare e stupire, collocati all’interno di un altro gioiello: la Basilica Palladiana.

Il percorso espositivo si articola in tre sezioni che comprendono 18 sculture prodotte tra il 1949 e il 1979, tra queste anche le opere più iconiche del maestro spagnolo: gli orologi molli.

Le statue di Dalì in grande formato hanno invaso anche le principali piazze della città, come la ballerina, gli orologi molli, il pianoforte surrealista, la Venere e l’elefante spaziali.

Opere che  sembrano immergersi nello spazio architettonico della città di Vicenza in modo surreale, ma allo stesso tempo dialogano in maniera armoniosa con l’architettura urbana del Palladio.

Da non perdere poi la collezione permanente del Museo del Gioiello di Vicenza che cambia ogni due anni,  in un allestimento realizzato dalla Signora del Design Patricia Urquiola. (Articolo di Cecilia Fortuna)

Orari di apertura del Museo del Gioiello: da martedì a venerdì dalle 15.00 alle 19.00; sabato e domenica dalle 11.00 alle 19.00

Altri articoli