In agenda

Che Mostra vado a vedere?

Ferrara, Palazzo dei Diamanti Courbet e la natura 22 Settembre 2018 – 06 Gennaio 2019

In Italia è passato mezzo secolo dall’ultima ampia rassegna dedicata al  Gustave Courbet (1819-1877) il più trasgressivo esponente del realismo francese. Questa lacuna viene colmata dalla spettacolare monografica che Palazzo dei Diamanti dedica al grande artista francese. Più di 50 oli concessi da musei di mezzo mondo. Riuniti per illustrare un artista che ha lasciato un segno indelebile sulla sua epoca riuscendo a traghettare l’arte francese dal sogno romantico alla cruda pittura di realtà, e da questa a un nuovo amore per la natura.

Treviso, Casa dei Carraresi dal 26 settembre al 3 febbraio 2019. Da Tiziano a Van Dick. Il Volto del ‘500

Siete mai stati invitati ad una cena in casa di amici per, una volta varcato l’uscio, vedere una delle ultime opere dipinte da Tiziano Vecellio? O di entrare in un’abitazione e di trovarvi di fronte ad un olio su tela di Jacopo Tintoretto? O di entrare in cucina ad aiutare gli ospiti con le portate e scorgere un ritratto di Van Dyck che vi guarda incurante dei suoi 4 secoli d’età? Ecco, se non vi è mai successo di provare questo genere di emozioni, non dovete far altro che entrare in questa mostra.

Venezia – Casa dei Tre Oci Venezia – Willy Ronis

La Casa dei Tre Oci di Venezia celebra il grande fotografo francese Willy Ronis (1910-2009). L’esposizione, curata da Matthieu Rivallin, presenta 120 immagini vintage, tra cui una decina inedite dedicate a Venezia, in grado di ripercorre l’intera carriera di uno dei maggiori interpreti della fotografia del Novecento e protagonista della corrente umanista francese, insieme a maestri quali Brassaï, Gilles Caron, Henri Cartier-Bresson, Raymond Depardon, Robert Doisneau, Izis, André Kertész, Jacques-Henri Lartigue e Marc Riboud.

Milano – MUDEC – Paul Klee e il Primitivismo  Dal 26 settembre 2018 al 27 gennaio 2019

La mostra ( oli, tempere, acquarelli e disegni) affronta una prospettiva inedita dell’opera di Paul Klee, proponendo una serie di lavori (oli, tempere, acquarelli e disegni) tutti incentrati sul “primitivismo”, quella tendenza artistica che intendeva, negli ultimi decenni del XIX secolo, semplificare le forme, da un punto di vista estetico e mentale, ed esaltare i valori plastici.

Sempre a Milano, ma a Palazzo Reale, è in programma una monografica dedicata a Picasso e al rapporto che il maestro catalano sviluppò con l’arte antica. Ben duecento le opere esposte: oltre ad una serie di dipinti, la mostra ospiterà manufatti antichi – statue, vasi e ceramiche – provenienti da musei internazionali come il Louvre e il Musée National Picasso di Parigi. Dal 18 ottobre al 17 febbraio 2019.

 

 

Altri articoli