Non solo arte, Ritratti d'autore

Atchugarry sbarca a Miami

Pablo Atchugarry (classe 1954) è un artista uruguaiano, conosciuto per le sue sculture astratte. Risiede a Lecco, in Lombardia, ma spesso torna in Sudamerica, a Manantiales. Ho potuto ammirare le sue opere in occasione di Miami Art Basel e devo dire che mi sono proprio piaciute. Insieme a suo figlio, Piero, ha inaugurato proprio in questi giorni qui in Florida l’Atchugarry Art Center di Little Haiti. Uno spazio espositivo molto gradevole, all’interno del quale sono collocati anche lavori di altri artisti, come ad esempio quelli ddel nostro amico Riccardo De Marchi che, qualche anno fa, aveva esposto alla Galleria Arsnow Seragiotto di Padova.

Un rapporto quello tra Atchugarry e l’Italia che con gli anni è diventato sempre più simbiotico. E’ a metà degli anni 80 del secolo scorso che decide di trasferirsi quasi in pianta stabile nella nostra penisola, organizzando un laboratorio parallelo con quello in Uruguay: il suo scopo è quello di avvicinarsi ancor più al materiale che recupera nelle storiche cave di Carrara. Il marmo è infatti in grado di donare alle sue sculture quella luminosità che le hanno rese celebri in tutto il momdo. La sua presenza in Italia è celebrata anche dalla partecipazione alla Biennale di Venezia del 2003. Nel 2009 fonda a Punta del Este (Uruguay) la Fundacion Pablo Atchugarry, creando un parco internazionale di scultura che lo pone all’attenzione generale. E ora è la volta degli Stati Uniti, proprio in occasione della Fiera di arte contemporanea più pazzesca del mondo. (Da Miami, Mauro Casotto).

Altri articoli