In evidenza

Artistiche armi da fuoco

“Linea di Mira” è la nuova mostra al Musée de Design at D’arts Appliqués Contemporains (MUDAC) di Losanna, curata da Susanne Hilpert-Stuber. Siamo di fronte ad una rassegna completamente dedicata al tormentato rapporto che esiste tra l’Arte Contemporanea il mondo delle armi da fuoco. Un tema certamente indagato già da diverse mostre (la più importante fu certamente “Attack” del 2014 alla Kunsthalle di Vienna). Ma questa è senz’altro più completa ed ecumenica, spazia con agilità infatti dall’arredamento (le lampade di Philippe Starck) all’Arte più concettuale e relazionale (le performances di Clara Ianni).

Il progetto, corredato da un ricco catalogo, è ambizioso e ha coinvolto, assieme a curatori d’arte, antropologi, storici e sociologi, la “Small Arms Survey”, un’agenzia svizzera che monitora su scala planetaria la diffusione delle armi da guerra portatili.

Insomma un viaggio a 360 gradi (articolato sui due piani del museo e diviso in nove sezioni) pieno di paradossi visivi e emozionanti controversie. Una scenografia molto affascinate ed un display sofisticato avvolgono, come una carta da regalo, tutta la mostra.

La capillare diffusione delle armi nella società americana e la loro proliferazione in molti paesi in via di sviluppo sono in realtà i due leitmotiv di fondo. Comunque non ci sono assolutamente atteggiamenti celebratori o inneggianti alla violenza. Sono invece presenti varie note polemiche, di carattere squisitamente artistico, proprio sulla eccessiva enfatizzazione che la società fa degli “gli utensili della morte”. Il fatto è che sono oggetti morbosamente ed ambiguamente fascinosi. Non è facile ignorarli evidentemente.

Gli artisti coinvolti, oltre a quelli già citati e a chi vi scrive, sono molti: Robert Longo, Ted Noten, Mai-Thu Perret, Johanna Dahm, Sylvie Fleury, Claire Liebermann Raul Martinez, Mircea Cantor, Brigitte Zieger, Herlinde Koeibl, Yi-Fei Chen. C’è anche il grande Gonzalo Mabunda con i suoi magnifici troni fatti tutti con resti di bombe (inattivate) e fucili.

Articolo di Antonio Riello, presente alla Mostra con l’opera che vi proponiamo nella foto.

“Ligne de Mire”, MUDAC, Place de la Cathédrale 6, Losanna (CH) dal 13 Marzo al 16 Agosto 2018

Altri articoli