Luoghi & design

Artistica Provenza

Il cuore verde della Provenza è rappresentato dal un parco naturale regionale del Luberon, una montagna intorno alla quale sorgono alcuni dei più caratteristici paesini di Francia, i cosiddetti villages perchés, abbarbicati sulla cima di colline scoscese e intatti nel loro impianto urbanistico. All’estremità settentrionale Gordes è tra i più pittoreschi;   negli anni immediatamente successivi alla seconda guerra mondiale attirò una moltitudine di artisti a cominciare da Marc Chagall.  Jean Deyrolle poi trascinò anche gli amici Serge Poliakoff, Victor Vasarely, Jean Dewasne e altri ancora.

A Cavaillon invece troviamo l’hotel d’Agar.  Al suo interno, gli eclettici proprietari hanno creato una sorta di museo  con reperti preistorici, antichità, sculture e pitture del medioevo e del rinascimento, accostati a rotazione a opere d’arte di avanguardia contemporanea. Anche Lourmarin fu frequentato in passato da artisti e scrittori, tra cui Albert Camus che acquistò qui una casa con il denaro del premio Nobel per la letteratura. In molti si recano a rendere omaggio alla sua tomba, nel locale cimitero. Tutto il paese è invaso da atelier di produzione e gallerie d’arte, oltre una ventina: è particolarmente animato a ottobre quando un festival artistico richiama visitatori da tutta la Francia. (Articolo di Leonardo Felician)

 

 

Altri articoli