Luoghi & design

A Mougins, come Picasso

Vale un viaggio Mougins, piccolo borgo dalla vocazione artistica sulle colline della Costa Azzurra a ridosso di Cannes, con case in pietra che ospitano numerosi atelier di pittori e scultori. In questo dolce paesaggio di cipressi, ulivi e pini marittimi Picasso abitò negli ultimi anni della sua vita (*) ma di qui passarono anche Francis Picabia e Jean Cocteau. Nel 2008 il collezionista inglese Christian Levett volle condividere la propria collezione con il pubblico creando il Musée d’Art Classique de Mougins, inaugurato dopo tre anni di lavoro e restauro nel 2011 proprio nel cuore del villaggio.

Suddivisa su 4 livelli la collezione ha un chiaro intento didattico e spazia su oltre 4000 anni di storia con l’intento di riunire in uno stesso luogo l’arte antica, neo-classica, moderna, e contemporanea per scoprire l’influenza che le civiltà del passato hanno avuto nelle epoche successive. A una testa maschile in bronzo greco del III secolo si trova accostata una testa di Damien Hirst del 2007. Alle opere della galleria egiziana fanno da contrappunto le pitture più recenti di Alexander Calder, Marc Chagall, Jean Cocteau e Henry Newman. Disposizioni ingegnose avvicinano e fanno dialogare statue romane di Venere con la Venere d’Yves Klein e la nascita di Venere d’Andy Warhol; una testa dell’imperatore Caracalla parla con un disegno di Henri Matisse, e così a seguire con opere esposte di Rubens, Chagall, Cocteau, Renoir, Fontana , Dufy, Schiele, Toulouse Lautrec, Picasso, Lichtenstein, Calder, De Chirico, Picabia, Degas, Rodin, Modigliani, Cezanne, Braque e Fantin Latour. Il museo confidenzialmente chiamato MACM è aperto tutto l’anno e propone eventi ed esposizioni davvero interessanti. (articolo di Leonardo Felician)

Se capitate da quelle parti, ecco un ottimo indirizzo dove soggiornare: www.lemascandille.com

(*) Nell’ottobre di tre anni fa, la grande villa colonica di Picasso è stata venduta all’asta per circa 20 milioni di euro. 1.800 metri quadrati di ala padronale, 32 stanze, 12 bagni, un campo da tennis due piscine, una palestra e molto altro. Picasso comprò la masseria nel 1961 e qui dipinse almeno 400 ritratti della sua ultima moglie, Jacqueline Roque.

Altri articoli