In evidenza

A Forlì il fascino dell’800

Una bella mostra, un’altra bella mostra sarebbe più giusto dire, ospitata ai Musei San Domenico di Forlì. “Ottocento. L’arte dell’Italia tra Hayez e Segantini” racconta i 60 anni intercorsi tra l’Unità d’Italia e lo scoppio della Grande Guerra.

Mezzo secolo circa di storia dell’arte durante il quale si alternarono e si sovrapposero una varietà di stili, generi e temi: la rappresentazione della vita moderna, il ritratto, il paesaggio, soggetti e contenuti di impatto popolare, specchio di un’epoca densa di cambiamenti senza dimenticare l’arte di denuncia sociale. Ne è un esempio “l’Alzaia” olio su tela (del quale vi proponiamo un dettaglio)  dipinto nel 1864 da Telemaco Signorini, che ritrae dei lavoratori intenti a trasportare una pesante chiatta lungo un fiume. Tra gli artisti  selezionati dai curatori della mostra – Fernando Mazzocca e Francesco Leone – anche Induno, Fattori, Signorini, Corcos, Previati, Morbelli, De Nittis,  Boccioni, Balla.

OTTOCENTO L’arte dell’Italia tra Hayez e Segantini

Forlì, Musei San Domenico – 09 Febbraio 2019 – 16 Giugno 2019

A precedere o a seguire la visita della mostra, la sosta enogastronomica suggerita è  all’Osteria Casa di Mare, locale con cortile, all’interno di un palazzo del ‘700, dove degustare piatti della tradizione romagnola accompagnati dai vini scelti da Luca Gardini.

Altri articoli